CORSO IN ABILITÀ DI COUNSELING

Il Corso di formazione in abilità di Counseling è accreditato da Assocounseling. Il programma formativo è pertanto redatto in accordo con i parametri richiesti dall’associazione professionale di categoria

Obiettivi

Il corso di formazione in abilità di counseling si rivolge a tutti quei professionisti che intendono acquisire specifiche abilità di ascolto e comunicazione per la propria professione.

Il percorso proposto ha lo scopo di sviluppare le proprie risorse e competenze, attraverso la conoscenza di sé, al fine di acquisire nuove metodologie relazionali e di ascolto che porteranno ad una crescita personale e professionale.

Metodologia d’insegnamento

La metodologia d’insegnamento si fonda sull'apprendimento attraverso l'esperienza.

L’approccio didattico è orientato ad una stretta connessione tra gli aspetti pratico-esperienziali e il necessario approfondimento teorico partendo dal presupposto che la comprensione degli aspetti teorici viene tratta dall’esperienza pratica del qui ed ora. L’approccio del corso di studi favorisce il “saper essere” e il “saper fare”.

Molto spazio viene lasciato all'esercizio dell'arte dell'ascolto, della presenza, del colloquio, anche attraverso simulazioni di sessioni di counseling a coppie, in triadi (con un osservatore), alla presenza dell'intero gruppo. Le lezioni saranno: lezioni frontali, lavori di gruppo, simulate, role-playing, etc.

Docenti

  • Tomio Maurizio: Medico Specialista in Medicina Psicosomatica, Ipno-terapeuta,Istruttore Mindfullness, Facilitatore Costellazioni Familiari.
  • Pia Barbato: Professional Certified Counselor,Psicosomatista,esperta in Counseling Integrato e di Gruppo. Presidente e direttore didattico.
  • Chiara Viscardi: Professional Counselor Assocounseling, Operatore Mindfulness,Tutor scolastico/insegnante di sostegno
  • Laura Russo:Professional Counselor Assocounseling,Laureata in Consulenza pedagogica e ricerca educativa presso l’Università degli Studi Milano-Bicocca.

Programma del corso

INSEGNAMENTO

ORE

DOCENTE

Storia del counseling e definizione delle abilità di counseling

8

PIA BARBATO

Comunicazione efficace. Teorie e modelli

24

MAURIZIO TOMIO

Le predisposizioni di base dell’operatore e l’ascolto attivo

24

LAURA RUSSO

Comunicazione assertiva e riflessione sul proprio stile comunicativo

24

CHIARA VISCARDI

La gestione delle dinamiche conflittuali, interventi comunicativi efficaci

16

CHIARA VISCARDI

Verifica delle competenze acquisite

8

PIA BARBATO /CHIARA VISCARDI

Totale insegnamenti

104

 

 

Struttura del corso

Durata: 6 mesi

Durata espressa in ore: 104

Criteri di ammissione

  1. a) Possesso del diploma di scuola media superiore o titolo equivalente o titolo equipollente.
  2. b) Possesso di un titolo professionale idoneo (a titolo esemplificativo e non esaustivo: assistente sociale, educatore-animatore di comunità, educatore professionale, formatore, infermiere, insegnante, maestro, operatore sociale, pedagogista, etc.).

 Modalità di ammissione

  1. a) Massimo allievi iscrivibili: 20 per corso
  2. b) Per essere ammessi al corso è necessario sostenere un colloquio conoscitivo motivazionale.

 Valutazione delle competenze acquisite

Al termine del percorso, verrà richiesto al corsista un breve elaborato inerente le competenze acquisite sia a livello personale che professionale.

 

Costi

 € 1500,00 esente IVA  (totale omnicomprensivo)

 

Assenze

Le assenze non potranno superare il 10% del monte ore totale

 Materiale didattico

Saranno consigliati testi di lettura e approfondimento degli argomenti trattati.

Attestati

Alla fine del percorso formativo, espletato tutto quanto richiesto, la struttura rilascia all’allievo:

1) Attestato finale che riporta gli estremi del riconoscimento di AssoCounseling, ivi compreso il logo/marchio relativo al riconoscimento di AssoCounseling

2) Un documento integrativo dell’attestato di cui al punto precedente ovvero un certificato in cui vengono esplicitati, in maniera dettagliata: ore, attività e natura degli studi effettuati durante il corso.

Bibliografia del Corso

Bertram Rosenberg Marshall, V. Costetti (2017),  Le parole sono finestre (oppure muri). Introduzione alla comunicazione nonviolenta;

Bertram Rosenberg Marshall (2006), Le tue parole possono cambiare il mondo. Come l’empatia ci aiuta a costruire la pace, Reggio Emilia, Ed Esserci;

Bertram Rosenberg Marshall (2006), Le sorprendenti funzioni della rabbia. Come gestirla e scoprirne il dono, Reggio Emilia, Ed Esserci;

  1. Watzlawick,, J.H. Beavin, D.D. Jackson, (1971), La pragmatica della comunicazione umana. Roma, Astrolabio;
  2. Cheli, (2004), Teorie e tecniche della comunicazione interpersonale. Un’introduzione interdisciplinare. Milano, Franco Angeli;

Bonsanti G. (2008), La comunicazione nella relazione d’aiuto. In Mengheri M. (a cura di), Sentieri. Itinerari di Psicopatologia-Psicosomatica-Psichiatria;

Rogers, C.R. (1970), La terapia centrata sul cliente. Firenze, G. Martinelli & C. s.a.s;

Rollo May, (1989), L’arte del counseling, Roma, Astrolabio;

Rogers, C.R. (1983), Un modo di essere, Firenze, G. Martinelli & C. s.a.s;

Rogers, C.R. (1987), Da persona a persona. Il problema di essere umani. Roma, Astrolabio;

  1. Anfossi, (2013), Sguardi di Cura, per una clinica del terzo millennio centrata sulla persona. Alpes Italia srl;
  2. Di Fabio (1999). Counseling: dalla teoria all’applicazione, Firenze, Giunti;
  3. Mucchielli, (2006), Apprendere il counseling, Trento, Erikson;
  4. Danon, (2000), Counseling. Una nuova professione d’aiuto. Como, RED;

Reddy, M. (1994). Il counseling aziendale. Il manager come counselor. Roma: Sovera;

Maggiolini A. (1997), Counseling a scuola, Franco Angeli, Milano;

Mengheri, M. (2010), Counseling in medicina. In M. Mengheri (a cura di), Formazione alla relazione di aiuto. Milano: Franco Angeli;

  1. Elliott, J.C. Watson, R.N. Goldman, L.Sl Greenberg (2007), Apprendere le terapie focalizzate sulle emozioni. L’approccio esperienziale orientato al processo per il cambiamento. Sovera Editore;
  2. Raffagnino, L. Occhini, (2000), Il corpo e l'altro. Sapere, saper fare, saper essere. Imparare la comunicazione non verbale, Milano, Guerini studio;

Gordon T (2014) Relazioni efficaci. Come costruirle. Come non pregiudicarle, Molfetta, La meridiana ED;

Buber, M (1991) L’io e il tu, Pavia, Bonomi;

Carkhuff, R.R. (2987) L’arte di aiutare. Manuale. Trento, Erickson;

Maslach C. (1996), La sindrome del burnout, Assisi, La Cittadella ED.

Programmi sintetici

Storia del counseling e definizione delle abilità di counseling

Le prime applicazioni di counseling risalgono alla fine dell'Ottocento, epoca in cui, nel mondo anglosassone, si realizzarono i primi programmi di orientamento professionale. È un dato di fatto che il primo trattato di counseling risale all'inizio degli anni '30, quando le lezioni tenute durante la Grande depressione dallo psicologo statunitense Rollo May (1904-1994) vennero pubblicate in volume col titolo

L'arte del counseling. Egli era allora impegnato come docente universitario e consulente psicologo per gli studenti. La consuetudine collega questa disciplina a Carl Rogers (1902-1987), che agli inizi degli anni '40 pubblicò un saggio sulla teoria e metodologia del counseling, perché la Scuola dell'"Approccio centrato sulla persona" ha avuto ed ha tuttora grande rilevanza. Gli altri autori comunemente citati sono Adrian van Kaam (n.1930), sacerdote di origine olandese trasferitosi negli USA ove è docente universitario; Robert Carkhuff, allievo di Rogers; Roger Mucchielli (1919-1981), di origine còrsa, neuropsichiatra e psicosociologo.

Tra gli italiani vi sono Luciano Cian (1939-1993) per la sua attività di avanguardia iniziata nel 1971, Marcella Danon per aver presentato dettagliatamente lo stato attuale della professione, Edoardo Giusti (n.1944), che con le attività di ricerca e professionali è considerato un precursore del Gestalt Counseling in Italia.In particolare, il Counseling Umanistico si sviluppa, insieme alla Psicologia Umanistica,negli U.S.A., a partire dagli anni ’60 (ma già nel 1942 uno dei capostipiti, Carl Rogers, pubblica“Counseling and Psychoterapy”).Possiamo considerare come fondatori principali di questo filone di pensiero Carl Rogers, Abraham Maslow, Robert Carkhuff, Victor Frankl, Fritz Perls e Rollo May.

Il Counsellor opera nel campo della prevenzione della malattia e in quello della promozione della salute, così come intesa e definita dalla Carta di Ottawa nel 1986. Il Counsellor possiede competenze specifiche per la promozione del benessere dell’individuo e non esercita attività sanitarie.

Caratteristiche dell’approccio rogersiano.

Il Modello teorico di riferimento nasce dalla psicologia umanistica di Rogers, e si apre a più recenti modelli teorici derivanti dall'approccio interdisciplinare vigente alle Nazioni Unite (UN University e International Training Centre dell'ILO). In particolare la Neurofenomenologia di Umberto Varela costituisce un riferimento centrale, insieme agli approccio neurofisiologico di Daniel Siegel. Inoltre, il modello teorico risente delle ultime scoperte della neuroscienza, con particolare riferimento ai consolidati studi di Paul Ekman e Richard Davidson. Infine, la scuola psicologica di Oxford, guidata da Mark Williams costituisce il riferimento metodologico della relazione tra mente e corpo integrato dall'approccio interdisciplinare di Alan Wallace.

A partire dall’inquadramento propedeutico dell'Emotional Sustainability Counsellor, in ogni attività di Counselling si stabiliscono i legami teorici con gli studi sulla sostenibilità umana condotti dalle Nazioni Unite al fine di agganciare teoria della personalità e teoria della sostenibilità umana, due aree diverse ma con molti elementi comuni.

Principi basilari del counseling: comunicazione non direttiva, accoglienza, colloquio, setting, ascolto attivo, empatia, atteggiamento non giudicante, responsabilità, autenticità e congruenza. I principi fondamentali che indirizzano la pratica del Counseling sono l’assenza di giudizio, l’accettazione incondizionata, l’empatia e l’assoluta riservatezza.

 Il lavoro del counselor consiste nell’agevolare la persona in un’auto-esplorazione che permette la messa a fuoco e la definizione delle problematiche attuali, l’approfondimento dei vissuti emotivi, l’attenzione al corpo e alle varie componenti della personalità, la consapevolezza dei meccanismi che bloccano la soluzione dei problemi, l’individuazione ed il potenziamento delle risorse interne ed esterne per farvi fronte nel modo più soddisfacente. Il counselor non dà soluzioni né consigli, ma aiuta la persona ad aiutarsi.

Le tecniche utilizzate in un un approccio integrato, sono molteplici: ascolto attivo di matrice rogersiana, tecniche gestaltiche, analitico transazionali, onirico-simboliche, tecniche di visualizzazione e rilassamento, meditazione mindfulness e costellazioni familiari, dialogo con sintomo nella lettura psicosomatica.

Le caratteristiche della “relazione d’aiuto”.

L’approccio è Centrato sulla Persona nella sua interezza, con particolare attenzione ad un lavoro di integrazione fra le dimensioni corporea, emotiva, cognitiva, comportamentale, nel pieno rispetto dell’unicità dell’individuo e della sua esperienza e nella convinzione che ciascuno racchiude in sé tutte le risorse per una realizzazione piena e soddisfacente del proprio disegno di vita.

Parte pratica: esercitazioni su ascolto attivo, osservazione, riformulazione, e altri principi teorici illustrati per facilitare il contatto autentico.

Alcuni ambiti: fornire aiuto per smettere di fumare, adottare stili di vita meno patogeni, adattarsi a mutilazioni, accettare tecniche di riabilitazione, fronteggiare la chemioterapia, offrire sostegno a persone con ruoli chiave nei gruppi, insegnare la assertività, migliorare la formazione o le capacità di comunicazione (es. affrontare colloquio di lavoro, o apprendere tecniche di corteggiamento).

Pia Barbato

Comunicazione efficace. Teorie e modelli

  1. Rogers fondatore della “terapia centrata sul cliente”, conosciuta anche come terapia non direttiva, promuove le “capacità centrate sulla persona” quali empatia, congruenza, accettazione positiva incondizionata; inoltre ottimizza la qualità dell’operatore nella relazione di aiuto, con l’ascolto autentico, privo di pregiudizi e preconcetti per poter parlare di comunicazione efficace e trasparente.

Maurizio Tomio

Le predisposizioni di base dell’operatore e l’ascolto attivo

Nell’ambito del corso di abilità di Counseling, le capacità umane dell’operatore diventano elemento basilare per migliorare la comunicazione e sviluppare appieno le risorse dell’operatore stesso. La relazione di Counseling è basata su un rapporto tra due persone e sulla qualità della relazione. L’operatore svolge un ruolo primario dove il colloquio è finalizzato a supportare emotivamente il cliente. La relazione d’aiuto non si attiva spontaneamente ma va creata e sostenuta attraverso un processo di fiducia.

Laura Russo

Comunicazione assertiva e riflessione sul proprio stile comunicativo

Analisi del ruolo e comunicazione come strumento, ascolto attivo come componente necessaria nella comunicazione efficace.

Come applicare nel contesto lavorativo una comunicazione assertiva, cosa significa comportarsi con assertività.

Comprendere se stessi e le proprie relazioni con gli altri; identificazione delle proprie caratteristiche comportamentali, punti di forza e aree di miglioramento relazionali.

Come impostare una critica costruttiva e la capacità di dire no.

Costruire relazioni efficaci favorendo un clima positivo.

Presentazione di case study e role playing, simulate in coppia o gruppo.

Chiara Viscardi

La gestione delle dinamiche conflittuali, interventi comunicativi efficaci

Strumenti e riflessioni per apprendere a leggere ed utilizzare le emozioni e l’empatia in modo consapevole per comunicare efficacemente anche all’interno di un conflitto.

Supportare le persone nel problem solving e nella gestione del conflitto facendo emergere risorse utili allo sviluppo, che tengano conto delle esigenze di tutti, che riguardino il futuro e cerchino accordi e soluzioni sostenibili.

Presentazione di case study e role playing, simulate in coppia o gruppo.

Chiara Viscardi

 

Newsletter

Be Social

Seguici sui principali social networks

© Centro Counseling Integrato - C.F. 95186780169 - P.I. 04199880164 - site by Progetti Astratti