Interventi eta’ evolutiva


dsa DSA –ADHD ed Il mondo della scuola

Un aiuto ai bambini con difficoltà scolastiche e di comportamento

La scuola per i bambini e i ragazzi non è solo luogo d’apprendimento, ma anche luogo di crescita ed esperienza che permette loro di confrontarsi con il mondo circostante. A volte, tuttavia, sorgono difficoltà, come un basso rendimento, svogliatezza, scarsa autostima, distrazione che spesso rischiano di essere letti ed interpretati in modo scorretto. In particolare, nel corso dell’apprendimento gli alunni si trovano spesso di fronte a difficoltà che rallentano o rendono problematica l’acquisizione di abilità scolastiche come ad esempio la lettura, la scrittura, il calcolo, la soluzione di problemi o la comprensione di concetti. Tali difficoltà rientrano nel normale processo di apprendimento se sono temporanee, cioè se sono presenti per un breve periodo di tempo e spiegabili come normali variazioni di rendimento. Accanto a queste difficoltà ne esistono, però, altre che coinvolgono studenti senza deficit cognitivi, neurologici e relazionali: i disturbi specifici di apprendimento (DSA). Questi si presentano persistenti e in grado di impedire la normale acquisizione di alcune abilità, soprattutto nell’ambito degli automatismi di lettura, scrittura e calcolo che incidono negativamente sui risultati. Le problematiche relative agli apprendimenti diventano evidenti con l’accesso dei bambini alla scuola primaria, sebbene già a partire dalla scuola dell’infanzia sia possibile individuare dei precursori che, se individuati e “trattati” precocemente, facilitano l’inserimento del bambino nel nuovo ambiente e lo preparano all’acquisizione di nuovi concetti. In questo senso la scuola ha un ruolo fondamentale sia nella fase iniziale, con l’individuazione dei soggetti a rischio di DSA e la loro segnalazione ai servizi competenti sia nelle fasi successive, con la vera e propria diagnosi e presa in carico. Un’altra problematica che gli insegnanti si trovano a dover affrontare è quella rappresentata dagli alunni con Disturbo da deficit di Attenzione e Iperattività (ADHD). Questo disturbo, molto diffuso in età evolutiva, coinvolge tutti gli ambiti di vita del bambino ed è complicato da una serie di problemi emozionali e relazionali che influiscono su tutta la famiglia. Infatti, oltre ai classici sintomi della disattenzione, iperattività e impulsività, questo disturbo è accompagnato da una scarsa tolleranza alla frustrazione, insicurezza, bassa autostima, ansia, fobie e immaturità emotiva.

L’importanza di un ambiente consapevole ed inclusivo

Per questo disturbo è ancor più fondamentale supportare e aiutare gli insegnanti e i genitori, in modo tale che scuola, famiglia e servizi competenti adottino una linea comune di educazione e intervento che trasmetta competenza, continuità e coerenza.

Spesso gli insegnanti si trovano a dover affrontare e gestire alunni con problematiche nell’apprendimento e nel comportamento per loro difficili da inquadrare e comprendere. Riteniamo, quindi, fondamentale che ci sia una positiva collaborazione tra la scuola e i servizi competenti e che questo sia un punto imprescindibile per realizzare un efficace lavoro sia a livello di prevenzione e diagnosi sia a livello di intervento terapeutico, abilitativo e riabilitativo. In questo ambito è importante che la scuola acquisisca le conoscenze necessarie per individuare le situazioni a rischio, per utilizzare al meglio le risorse disponibili al suo interno e per offrire una risposta adeguata alle problematiche dell’alunno.

Percorsi di promozione delle abilità di studio

L’alunno con DSA può usufruire di strumenti compensativi che gli consentono di compensare le carenze funzionali determinate dal disturbo. Aiutandolo nella parte automatica della consegna, permettono all’alunno di concentrarsi sui compiti cognitivi oltre che avere importanti ripercussioni sulla velocità e sulla correttezza. A seconda della disciplina e del caso, possono essere: formulari, sintesi, schemi, mappe concettuali delle unità di apprendimento; tabella delle misure e delle formule geometriche; computer con programma di videoscrittura, correttore ortografico; stampante e scanner; calcolatrice o computer con foglio di calcolo e stampante; registratore e risorse audio (sintesi vocale, audiolibri, libri digitali); software didattici specifici; computer con sintesi vocale; vocabolario multimediale.

Il tragitto verso l’autonomia, nello svolgimento delle attività scolastiche, deve essere l’obiettivo primario di genitori ed insegnanti. Autonomia che per una alunno con DSA è spesso raggiungibile a costi elevati in termini di vissuto emotivo. Consapevolezza e collaborazione tra famiglia, scuola e comunità sono i pilastri che consentono di sostenere emotivamente e praticamente il percorso scolastico, ma essenziale è anche il clima che si crea all’interno della classe, con i compagni di scuola. E’ compito degli insegnanti favorire e promuovere una classe cooperativa ed inclusiva dedicando del tempo alla costruzione di relazioni significative e non giudicanti, alla valorizzazione dei diversi stili di apprendimento e della diversità in generale.

Una sezione del centro si rivolge agli studenti con difficoltà, alle loro famiglie e agli operatori scolastici coinvolti.

Personale coinvolto:

Specialisti del Centro Counseling Integrato di Scanzorosciate:

Counselor Integrato Pia Barbato

Psicologa clinica Dott.ssa Elena Trussardi

Psicologa psicoterapeuta Dott.ssa Francesca Revera

Logopedista Dott.ssa Paola Testa

Neuropsicomotricista Agazzi Serena

Educatrici sociali e di comunità

Attività del centro:

  • Valutazione e diagnosi dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento: Dislessia evolutiva (disturbo specifico della lettura); Disortografia evolutiva (disturbo specifico della scrittura); Discalculia evolutiva (disturbo specifico del numero e/o del calcolo); Disgrafia (difficoltà nella grafia).
  • Valutazione del disturbo da Deficit dell’Attenzione e dell’Iperattività (ADHD);
  • Riabilitazione dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento
  • Utilizzo di metodi compensativi quali materiale audio, schemi, mappe mentali, schede didattiche, testi facilitati.
  • Counseling – Training per genitori con figli affetti da DSA – ADHD
  • Percorso di accompagnamento rivolto soprattutto alle famiglie e agli insegnanti per migliorare le competenze comunicative
  • Consulenza psicoeducativa ai genitori
  • Consulenza agli operatori scolastici
  • Percorsi di sostegno psicologico individuale e familiare
  • Incontri di formazione e supervisione rivolti agli insegnanti sulla tematica dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento
  • Incontri di formazione e supervisione rivolti agli insegnanti sulla tematica del Disturbo da deficit dell’Attenzione e dell’Iperattività
  • Incontri rivolti ai genitori sulla tematica dei disturbi Specifici dell’Apprendimento e del Disturbo da deficit dell’Attenzione e dell’Iperattività (ADHD)